Il menswear nel corso degli anni è cambiato radicalmente in tutto e per tutto.
Le proporzioni, i tessuti, le combinazioni di elementi, le stampe ed i colori, e anche gli accessori.
La moda è un’arte e come ogni genere artistico la moda riflette la cultura predominante, riflette la società.
Ciò che appare evidente è che nella moda maschile attualmente sono stati introdotti elementi della moda femminile, elementi contemporanei ed elementi di estrema audacia che fino a qualche anno fa risultavano essere esclusivi per chi era “diverso”.

Basti pensare per esempio ad un accessorio indispensabile per le donne: la borsa, che fino a dieci anni fa in una città come Milano era difficile vedere tra le mani degli uomini mentre oggi spopolano borse di ogni fattura, colore e materiale (shopper, tote bag, borse da ufficio) e non solo la classica ventiquattrore squadrata.
Un altro esempio è la gonna, uno dei elementi più discussi e più criticati quando viene presentata nelle sfilate.
Un numero crescente di stilisti oramai ha presentato almeno una collezione in cui è presente la gonna per l’uomo: Riccardo Tisci per Givenchy ad esempio o Jean Paul Gaultier ma anche Rick Owens, Vivienne Westwood e via dicendo.
Miuccia Prada in un’intervista per Interview Magazine indica come lei stia tentando di creare con le sue collezioni un uomo più sensibile, delicato mentre l’uomo di Donatella Versace è un uomo diametralmente opposto, e quindi un uomo forte, deciso, disciplinato, con accenti militari e atletici: e all’interno di questi due estremi esistono diverse sfumature, diverse tonalità di uomini e di caratteri.
La questione dello “stile che cambia” in ogni caso rimane solamente un argomento di discussione interessante perché poi ognuno di noi costruisce il proprio stile, con elementi presi qua e là, di diversa matrice ed ispirazione.

A sostegno della tesi appena presentata viene qui proposta una selezione di dieci capi unici per la stagione fall/winter 2013-2014: eccentricità, stile, novità, e creatività sono le parole d’ordine.
Gli stivali hanno un tacco più alto, le stampe floreali decorano giacche, topwear e persino calzature, le stampe sono d’impatto, eccentriche mentre le proporzioni vengono accentuate ed aumentate e talvolta esagerate.

Tutto, in ogni caso, pare sia creato solo ed esclusivamente per stupire!

 

 

Y-3

Y-3

Saint Laurent

Saint Laurent

Rick Owens

Rick Owens

Neil Barrett

Neil Barrett

Dries Van Noten

Dries Van Noten

Etro

Etro

Juun.J

Juun.J

Alexander McQueen

Alexander McQueen

Dolce&Gabbana

Dolce&Gabbana

Andrea Incontri

Andrea Incontri

 

 

Google+ Comments

A proposito dell'autore

Avatar di Mauro Esposito
Contributor

Mauro, 22 anni, nato e cresciuto in un piccolo paese a pochi chilometri da Milano, la città che amo di più, nella quale ho ambientato le mie speranze e sogni. Neolaureato in Scienze della Comunicazione alla Statale, blogger e amante della scrittura con un progetto in cantiere. Amante passionale della fotografia e del design nella sua accezione più ampia: dall'architettura, all'interior design alla moda. Sono un sagittario e dunque sono testardo sì ma anche generoso, energico, combattivo e soprattutto avventuriero ed eccomi infatti qui in questo progetto affascinante di Valentina ed Andrea, due ragazzi talentuosi e intraprendenti che ho avuto modo di conoscere un anno fa e che mi hanno coinvolto come content editor in un sito che tratta di moda, lifestyle e musica: meglio di così!

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata