hair trends

Se una donna dei primi due decenni del secolo scorso tornasse oggi in vita e si facesse un giro per le vie del centro delle principali città, forse rimarrebbe impressionata dall’evoluzione della tecnologia e dei costumi che ha investito la società in questi 100 anni trascorsi, ma allo stesso tempo rimarrebbe stupita nel constatare che rispetto alla sua epoca qualcosa non è cambiato: il taglio di capelli.

Sì perché, come hanno dimostrato le ultime passerelle, tornano di moda le acconciature degli anni 20, e diventano subito un must non solo in Italia, terra da sempre sensibile alle mode in quanto creatrice di monda per antonomasia, ma anche all’estero.

A riprova di ciò si provi ad accendere la tv ed a guardare una delle tante trasmissioni dedicate ai party di Hollywood. Noteremmo un trionfo di componenti stilistici di acconciatura come le frangette, le code molto morbide ed ondulate, magari riportate in avanti appoggiate su un lato del collo.

Come ottenerli? Gli esperti suggeriscono due possibili soluzioni tecniche da scegliere in base al proprio tipo di capello. È infatti evidente che l’effetto “ad onda morbida” obbliga a creare una coda che sia allo stesso tempo consistente, in termini di quantità di capelli raccolti, ma anche luminosa e ben levigata (nel sito Farmavillage puoi trovare alcuni prodotti in grado di aiutarti ad ottenere questo effetto).

L’ottenimento di tutti questi effetti visivi è piuttosto semplice per chi ha la fortuna di avere capelli abbondanti ed a fusto ampio; basta un gel abbastanza fluido, di quelli che non lasciano segni, per raggiungere il proprio scopo.

Diverso il discorso per chi invece ha capelli con un fusto molto sottile. Per queste donne il consiglio, se si vuole ottenere un’acconciatura in stile anni 20, è quello di utilizzare prodotti aggreganti più delicati come le mouse, lavorando successivamente di pettine e phon fino ad ottenere l’effetto estetico desiderato.

———————————

Articolo by Susanna Giordani

 

Google+ Comments

A proposito dell'autore

Avatar di Valentina Castelli

Multitasking nel senso più ampio del termine, amante del fashion system, ma di quello che rimane sempre dietro le quinte e fa il "lavoro sporco". Caporedattrice in Lookdarifare, scrive per altre due redazioni e ha diverse esperienze in aziende di calzature. Ama definirsi come "più persone in una" e quando lo fa intende sempre un numero superiore a 3. Lookdarifare nasce nel Settembre 2012 da un'idea sua e di Andrea Ferrini. Medium: https://medium.com/@_tinatelli Mail: tinat@lookdarifare.it

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata